Mortdecai: la recensione della pellicola diretta da David Koepp in uscita nelle nostre sale dal 19 febbraio. Il cast del film è composto da Johnny DeppEwan McGregor, Aubrey Plaza, Gwyneth PaltrowOlivia Munn, Paul BettanyJeff GoldblumOliver Platt e Michael Byrne.

Il film è ispirato a “The Great Mortdecay Moustache Mistery”, capitolo conclusivo di una trilogia dedicata a un ricco mercante d’arte che non disdegna né il crimine né litri e litri di brandy. La storia del film è è incentrata sull’antiquario avventuriero che cerca un quadro rubato, su cui c’è un codice misterioso che potrebbe condurre al tesoro dei Nazisti.

MORTDECAI – LA TRAMA

Ambientato nell’Inghilterra contemporanea, ma con atmosfere di un’epoca alla Peter Sellers, Mortdecai è una commedia che non riesce a ricreare il ritmo scattante dei classici Pantera Rosa o di un più colorato Austin Powers. Nonostante un cast eccezionale (tra cui figurano anche Gwyneth Paltrow, Ewan McGregor, Paul Bettany e Jeff Goldblum) e le competenze di David Koepp (sceneggiatore di Jurassic Park, Panic Room, Spider-Man), questa pellicola priva di fascino e di risate finirà come le ultime “perle” di Johnny Depp: bocciate. Ma non tutta la colpa è attribuibile a Depp. Anzi: non è (solo) colpa delle capacità comiche dell’attore ma nell’assenza nello script di battute davvero divertenti. Depp è così lasciato a interpretare l’ennesimo personaggio eccentrico alla Jake Sparrow. Proprio quel pirata che, a mio avviso, gli ha rovinato la carriera.  

Depp si trasforma ancora una volta nel suo brevettato “personaggio macchietta” imitando lo stile dell’ispettore Clouseau ma più pomposo ed elitario, e le folli creazioni di P.G. Wodehouse. Con i baffi curatissimi. Mortdecai è basato sul primo di una serie di romanzi scritti da Kyril Bonfiglioli. Pubblicati nel 1970, i libri satirici e dallo stile decisamente british, vedono protagonista l’aristocratico mercante d’arte Lord Charlie Mortdecai e il suo braccio destro, intraprendente e sessualmente irresistibile, Jock Strapp.
Mortdecai (Johnny Depp) è un narcisista snob e un carismatico anti eroe così innamorato dei suoi nuovi baffi da portare sua moglie Johanna (Gwyneth Paltrow) quasi al divorzio. L’affabile mercante d’arte – e criminale part time – sull’orlo del fallimento nella sua grande dimora signorile, intravede una possibilità di salvezza finanziaria quando una rara tela di Goya scompare dopo una rapina. Reclutato per la sua esperienza del mondo dell’arte dall’agente dell’MI5 Alistair Martland (Ewan McGregor) inizierà una corsa contro il tempo in giro per il mondo, armato solo del suo portamento e dei suoi baffi, per recuperare il dipinto rubato che conterrebbe il codice per accedere a un conto bancario svizzero con l’oro dei nazisti. Mortdecai poteva essere l’inizio di una nuova “Pantera Rosa”, come una action comedy con una sfumatura di spionaggio: ma purtroppo non riesce in nessuno degli intenti.

MORTDECAI – IL TRAILER

Marco Visco