Gone Girl – L’amore bugiardo: la recensione dell’atteso nuovo thriller diretto da David Fincher che sarà dal 18 dicembre 2014 nei nostri cinema. Nel cast Ben Affleck, Rosamunde Pike, Tyler Perry, Kim Dickens, Patrick Fugit, Scoot McNairy, Missi Pyle, Casey Wilson, Emily Ratajkowski, Patrick Fugit e Neil Patrick Harris.

Possiamo definirlo come una delle opere più belle di David FincherGone Girl- L’amore bugiardo, film presentato nella sezione Gala al Festival internazionale del Film di Roma. Uno dei cineasti più talentuosi del panorama cinematografico internazionale, si cimenta in una storia complessa, intrecciata e piena di tensione, riadattata dal romanzo L’amore bugiardo di Gillian Flynn, qui anche nel ruolo di sceneggiatrice. Un cast brillante, con i due protagonisti Ben Affleck e Rosamunde Pike, che per la loro interpretazione meriterebbero almeno una nomination agli Oscar.
Tra Nick Dunne e Amy è subito colpo di fulmine. Il loro amore sin dalla prima volta che si incontrano, è passionale, intimo e quasi idilliaco. Il loro matrimonio sembra perfetto, fino al loro quinto anniversario di nozze quando accade qualcosa di strano: Amy scompare in circostanze misteriose. Nick finisce col diventare il sospettato numero uno, molte prove lo vedono colpevole trasportandolo in una situazione paradossale.
Intanto il caso di Amy diventa all’ordine del giorno per i media, rendendola quasi un idolo per l’opinione pubblica e spingendo Nick sempre più in un baratro da cui non sa come uscire. Che fine ha fatto Amy, dove si nasconde la verità? Un thriller studiato alla perfezione quello che David Fincher porta in scena, intrecciando gli eventi, con alta tensione e coinvolgimento. 

Non stupisce la grande concentrazione che c’è sui personaggi, sul loro passato e le loro storie attuali, questo ci permette di entrare ancora meglio nell’intricata struttura del film, che abbiamo spesso ritrovato nel cinema di Fincher.
E’ questo il punto su cui il regista si concentra di più: l’esplorazione intima di Nick e Amy è il fulcro portante di tutta la sceneggiatura. Attraverso i loro pensieri e le loro azioni la vicenda viene portata avanti, diventando sempre più avvincente. Ben Affleck e Rosamund Pike giocano benissimo le loro carte, in una storia di colpe, tradimenti e intrighi.
L’interpretazione della Pike nei panni di Amy è, probabilmente, la migliore della sua carriera, bella e inquietante allo stesso tempo, una donna che non ha paura di affrontare nulla, non guarda in faccia a nessuno, puntando a tutti i costi il suo obiettivo. In Gone GirlFincher ci sgomenta, lasciando trasparire la vulnerabilità e la cattiveria che può assumere l’animo umano, utilizzando due punti di vista che ricostruiscono la realtà in modo diverso, ma che alla fine si ritroveranno a ritornare nello stesso punto, in una situazione in cui non c’è rimedio.

GONE GIRL – TRAILER ITALIANO

Ilaria Scognamiglio