Arriverà nelle sale italiane il prossimo 10 marzo “Il Male non esiste”, l’ultimo film del regista iraniano Mohammad Rasoulof, distribuito da Satine Film.

La pellicola è una delle più attese di sempre e già vincitrice dell’Orso d’Oro come Miglior Film alla Berlinale 70 e in numerosi altri Festival Internazionali.

La trama de “Il Male non esiste”

Il film è ambientato in Iran dove quattro personaggi e quattro storie si intrecciano davanti a scelte obbligate e le conseguenze che ne derivano.

Tra i protagonisti Heshmat, marito e padre esemplare; un uomo generoso che però svolge un lavoro misterioso che ogni notte lo porta fuori di casa.

Pouya ha iniziato da poco il servizio militare ma si troverà a dover fare una scelta difficile in bilico tra la propria volontà e l’obbedienza agli ordini dei suoi superiori.

Javad è un soldato che riesce ad ottenere tre giorni di licenza per tornare dalla sua amata per chiederle di sposarlo.

 Bharam è un medico allontanato dalla professione; l’uomo nasconde un doloroso segreto che lo accompagna da più di 20 anni.

Quattro storie diverse ma legate indissolubilmente tra loro; quattro decisioni sofferte che toccano profondamente la coscienza di tutti e dovrebbero farci immedesimare nei panni dei protagonisti e delle loro decisioni.

Un film intenso e straordinario che pone al centro di tutto alcuni dilemmi morali universali che invitano a riflettere su temi come la pena di morte e la responsabilità delle persone.

Attraverso queste quattro storie il regista affronta i drammi e i dilemmi della società iraniana e di tutti quei paesi che a causa dei loro governi sono costretti ad accettare una pratica tremenda come la pena di morte.

Uno spaccato lucido e crudo di tante società nel mondo perennemente in bilico tra obbligo e morale, tra le giustificazioni con sé stessi e il peso di dover fare la scelta giusta.