Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 18/11/2017 da La Redazione in ,
 
 

I titoli della X edizione di Visioni Fuori Raccordo al Rome Documentary Fest

Annunciati alcuni dei titoli che quest’anno competono per il Premio al Miglior Documentario Italiano della decima edizione di Visioni Fuori Raccordo – Rome Documentary Fest, l’unico festival romano interamente dedicato al Cinema del Reale che si svolgerà a Roma dal 15 al 19 novembre. Presenti quest’anno nove documentari.

“Questa selezione è in qualche modo la conferma del fermento, seguito e raccontato anche negli anni
passati, che anima il mondo del cinema documentario italiano”, afferma il direttore del Festival Luca
Ricciardi. “C’è una nuova generazione di cineasti che naviga in mare aperto, esplora linguaggi, forza confini,
rimette in discussione convenzioni e approcci consolidati. Una generazione che Visioni Fuori Raccordo vuole  continuare a raccontare”

Anche quest’anno per il concorso italiano offre uno sguardo d’insieme sulle vicende e le sfide del mondo che meritano di essere raccontate: “I documentari in concorso di questa edizione tratteggiano una geografia culturale in trasformazione, che allinea in un’orbita comune territori, immaginari figurativi e linguaggi distanti fra di loro” spiega il curatore della sezione italiana Giacomo Ravesi. “Un viaggio nel mondo e dentro l’individualità della società contemporanea, che il documentario italiano sta promuovendo attraverso un aggiornamento valoriale e generazionale”.

L’omaggio è a Roma e alle sue periferie con il racconto felliniano de Il Principe di Ostia Bronx di Raffaele Passerini: due attori che, rifiutando all’idea di essere rifiutati dal teatro, dall’Accademia e dal Cinema, spostano il loro palco sulle spiagge nudiste di Ostia. Le campagne attorno ai Castelli Romani fanno da scenario alla storia di un gruppo di giovanissimi che con le loro allevamento di api decide di andare contro le leggi del mercato ne Il Tempo delle Api di Rossella Antinori e Darel Di Gregorio. Anche quella di Sami, il veterinario protagonista di Waiting for Giraffes è la storia di una sfida: quando le giraffe vengono a mancare nello zoo palestinese di Qalqilya, Sami è determinato a farle tornare. Il film di Marco De Stefanis racconta attraverso il cammino del dottor Sami la realtà e la complessità del conflitto israelopalestinese.

Di altro tipo le sfide della coppia di registi Laura D’Amore e Danilo Monte, che decide di mettere a nudo la propria esperienza di fecondazione assistita con Vita Nova. Un altro tipo di sfida è raccontata dal film The Good Intentions, in cui la giovane regista Beatrice Segolini vuole rompere il tabù della violenza familiare.

La possibilità e la speranza che per chiunque ci sia posto nel mondo è invece raccontata da Simone Carnesecchi e Tommaso Lusena de Sarmiento in Simplemente Estamos Aquí, storia di un uomo e del suo punto di vista attraverso il deserto messicano di Wirikuta. In The First Shot, invece, i registi Federico Francioni e Yan Cheng mostrano la prima generazione nata dopo la protesta di Piazza Tienanmen in Cina attraverso tre ragazzi cinesi alla ricerca di se stessi. Altre prospettive singolari ci raccontano invece anche l’Africa e il Brasile, la prima mostrata attraverso il punto di vista di un uomo non vedente con il film Moo-ya di Filippo Ticozzi, mentr,e la seconda è narrata in Lepanto, in cui un inglese, dopo aver perso la propria casa in occasione delle Olimpiadi di Londra, alla vigilia delle nuove Olimpiadi in Brasile diventa l’ultimo Cangaceiro, leggendario brigante brasiliano difensore degli oppressi.

Il premio al miglior documentario sarà assegnato durante la cerimonia conclusiva, e consiste in 3 minuti di materiale d’archivio del valore di 4500 euro offerto da AAMOD – Archivio Audiovisivo del movimento operaio e democratico. Per i film in concorso è previsto anche il Premio Cinema del Reale: il regista e direttore dell’omonimo festival Paolo Pisanelli selezionerà un documentario della sezione Concorso Italiano che sarà invitato e premiato alla XV edizione della Festa di Cinema del Reale, in programma il prossimo luglio 2017 a Specchia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

La Redazione