Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 09/09/2017 da Marta Leggio in , , ,
 
 

Veleno, il film sulla Terra dei fuochi arriva a Venezia

Recensione di Veleno film diretto da Diego Olivares con Luisa Ranieri, Massimiliano Gallo e Salvatore Esposito prodotta da Bronx Film, Minerva Pictures Group e Tunnel Produzioni e distribuito da Altre Storie dal 14 settembre al cinema.

Il veleno di Diego Olivares è quel nitrito e puzzolente liquido verde che dalla terra arriva alle piante, ai campi, all’acqua fino ai corpi delle persone, agli abitanti che combattono tra la paura e la voglia di resistere. Veleno è un racconto che parte dal basso per denunciare lo scandalo della terra dei fuochi, dell’ecomafie, della camorra e dei mali degli uomini semplici. Diego Olivares si rivolge a una famiglia di contadini in un piccolo paese casertano, dove facilmente ci si può riconoscere, tra il lavoro ereditato dal padre che si porta avanti con orgoglio, il desiderio di famiglia e i rapporti difficili con i parenti. A questi problemi e situazioni comuni si aggiunge però il dramma di un territorio violato, contaminato dai veleni che criminali senza scrupoli hanno disseminato in buona parte di quella provincia. Tutti i personaggi sono ricollegati a un piano di lettura semplicistico e arretrato: lei moglie estremamente religiosa, lui uomo attaccato alla terra. Una coppia che rifiuta di abbandonare la loro terra interamente dominata da un potere mafioso che corrompe e distrugge. A complicare questa sfida, un altro calvario si affligge all’interno della coppia. A fare da contraltare però arrivano le dinamiche familiari e imprenditoriali del “nemico”, di Salvatore Esposito che troppo ricorda quella Gomorra nota a tutti.

 

Il taglio narrativo è concentrato in tutto sulla storia privata dei personaggi, sul loro rapporto con la terra e con la storia personale. Nessun rimando a una inchiesta, a una intromissione della cronaca, della politica, della verità. Riportando tutto sul piano della finzione, Veleno è un piacevole film drammatico, con due attori bravi come Gallo e la Ranieri e qualche cliché di troppo. Se il tema della camorra e la storia della coppia protagonista è quanto di più appropriato in una storia sulla terra dei fuochi, appare eccessiva l’intromissione dello zio nelle dinamiche private. Veleno è un film sulla terra dei fuochi che non brucia l’animo del pubblico, ma ne pettina semplicemente lo stomaco.

Marta Leggio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Marta Leggio

 
Sono Marta provengo dal profondo sud della Sicilia e mi diletto a filtrare quello che vedo attraverso le parole. Mi piacciono le storie emozionanti,le cose ben fatte, il buon cibo, le persone pacate e i film ben scritti. Non prendo mai niente eccessivamente sul serio però alcuni film hanno il potere di distruggermi. Ho molte insicurezze e limiti, ad esempio non capisco mai come comporre un buon finale...