Breaking news
 

 
 
 

Lontano da tutti, il film di Andrea Sbarretti sullo sciopero dell’AST di Terni

Lontano da tutti è un film del 2017 diretto da Andrea Sbarretti con Luigi Fortunati, Giacomo Mollaioli, Pierluigi Bernardini, Maila Ciucci, Andrea Sbarretti, Roberto Casani, Matteo Marchetti. Qui trovi la scheda del film.

Durante l’estate del 2014, la ThyssenKrupp, l’acciaieria ternana rinomata a livello internazionale, annuncia il licenziamento di 550 operai. La mobilitazione sindacale e l’appoggio della città è fortissima: venerdì 17 ottobre 2014, ventimila persone scioperano per opporsi ai dirigenti della ThyssenKrupp.

Andrea Sbarretti, ternano, ha voluto raccontare le storie di chi quel periodo l’ha vissuto. Attraverso gli occhi di Luigi, operaio prossimo alla pensione, Sbarretti narra le vicende della vertenza tra sindacati e amministrazione, le lotte, gli scioperi e le angosce dei lavoratori. Luigi ha una figlia, Liù, in crisi sentimentale, sul cui conto Luigi decide di depositare la buonuscita che i suoi dirigenti offrono per il suo licenziamento. Luigi si ritirerà poi in un isolamento quasi perfetto a Leonessa, paesino del reatino dove d’inverno nevica molto e le temperature scendono impietose.

Attraverso gli occhi di chi ha vissuto la tragedia e la minaccia del licenziamento, e seguendo i suoi personaggi nella loro vita quotidiana, Andrea Sbarretti racconta con una grande sincerità di fondo i giorni precedenti all’accordo tra i lavoratori e i dirigenti della ThyssenKrupp. Lontano da tutti è un film verace e artigianale, sia nella regia che nella recitazione, che vuol anche raccontare la bellezza del territorio circostante l’acciaieria.

Francesca Sordini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Francesca Sordini

 
Da piccola ho voluto fare, nell'ordine, la cavallerizza, la pittrice e la ballerina. Tutti mestieri sottopagati, esattamente come lo è fare il giornalista. Mestiere che non mi piaceva, mentre a mia nonna sì. Andò a finire che nonna ci aveva visto più lungo di tutti.