Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 05/11/2011 da Marco Visco in
 
 

“La Lupa, Italian Cultural Art Festival”, l’italianità ad Hollywood

Partirà questo fine settimana il festival d’arte dello spettacolo, “La Lupa, Italian Cultural Art Festival“, che celebrerà l’italianità in quattro weekend dedicati al teatro, cinema e musica, si terrà al Working Stage Theatre di Hollywood. Il nome, La Lupa, si ispira non solo al simbolo di Roma ma anche al soprannome dell’attrice italiana Anna Magnani. L’attrice è stata ambasciatrice della cultura italiana in America, ed ha vinto l’Oscar per la miglior attrice. Il festival si è aperto con l’omaggio alla Magnani, uno spettacolo teatrale dal titolo “Solo Anna” dove sono stati riproposti i monologhi dell’attrice di Roma Città Aperta. Lo spettacolo di Franco D’Alessandro e diretto da  Eva Minemar è stato interpretato da Lidia Vitale, la quale ha dichiarato: “In questi anni ho lavorato bene in Italia, ma il soddisfazione di lavorare in America è più grande. Qui se lavori bene i tuoi meriti vengono riconosciuti. Ho ricevuto subito consensi per il mio lavoro e l’opportunità d’interpretare la Magnani a teatro qui è inestimabile. Lei per me è sempre stata un modello. Grazie Anna“. In questa rassegna sarà presentato anche “Armandino e il Mare” con il debutto alla regia per Valeria Golino ed opere di giovani esordienti come Roberto Zazzara, Marisa Gentile e Martha Capello che rispettivamente presentano i cortometraggi “Empty Shot” e “Nel Ventre Della Balena”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Marco Visco

 
Sono nato a Roma nell'anno dei mondiali, quelli dell'82 e Paolo Rossi era un ragazzo come noi. Tra cartoni animati, vecchie serie tv e saghe di acchiappafantasmi e di ritorni al futuro sono cresciuto e mi sono laureato in Scienze delle Comunicazioni. Dopo aver imparato la "professione" tra redazioni, servizi e articoli ho avuto il privilegio di dirigere la testata giornalistica cinematografica Cinemamente.