Venezia74: l’asciutto ritratto famigliare di Jusqu’à la garde di Legrand