Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 25/03/2017 da La Redazione in
 
 

In attesa dell’uscita de Il Viaggio di Nick Hamm, ricordiamo Martin McGuinnes con altre pellicole sulla questione irlandese

Uscirà nelle nostre sale il 30 marzo Il Viaggio di Nick Hamm, presentato Fuori Concorso alla corsa edizione del Festival Venezia, a quasi dieci anni esatti dall’evento di cui propone una ricostruzione fantasiosa, per sua stessa ammissione. La vicenda ruota attorno al viaggio compiuto da due dei protagonisti della vicenda irlandese degli ultimi anni, McGuinnes e Paisley. La macabra puntualità del film è data dalla recentissima morte, lo scorso 21 marzo, di Martin McGuinnes (Colm Meaney), al secolo braccio politico dell’I.R.A, suo presunto ex capo di Stato Maggiore, nonchè leader del Sinn Féin. Suo acerrimo nemico è il reverendo Paisley (Timothy Spall), mangiapapa co-fondatore della Chiesa Presbiterana dell’Ulster. Dopo 30 anni di distanza, venne effettivamente compiuto fra i due un viaggio assieme, dopo il quale fu possibile definire la pace di St. Andrews. In seguito a ciò i due ricoprirono le cariche di primo e vice Ministro, e il loro sodalizio umano e politico fu tale da giustificare loro l’appellativo di Chuckle Brothers.

 

 

In occasione dell’uscita del film, vi proponiamo una top 5 di film che affrontano la questione nord-irlandese.

#1- Michal Collins

Diretto da Neil Jordan sul patriota irlandese Michael Collins, con Liam Neeson nel ruolo del protagonista affiancato da Julia Roberts, Adai Quinn e Alan Rickmann, vinse il Leone d’Oro al miglior film alla 53ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e Liam Neeson si aggiudicò la Coppa Volpi. L’opera torna alle radici della nascita dell’IRA, di cui il protagonista è uno dei fondatori. Attraverso una serie di attentati sempre più visibili e discorsi nelle piazze, riuscì a giungere alle trattative con l’Inghilterra e a divenire il primo capo dello Stato Libero d’Irlanda

#2- Bloody Sunday

Scritto e diretto da Paul Greengrass, trasposizione per il grande schermo di Eyewitness Bloody Sunday di Don Mullan, l’opera si concentra sulla cosiddetta domenica di sangue, avvenuta nel 1972 a Derry, nell’Irlanda del Nord. La pellicola è stata insignita dell’Orso d’Oro a Berlino nel 2002 a pari merito con La città incantata Si è trattato di una marcia pacifica per i diritti civili organizzata da Ivan Cooper, politico protestante e membro del Parlamento per il Partito Socialdemocratico e Laburista, durante la quale un reparto di paracadutisti britannici aprì il fuoco uccidendone tredici manifestanti e ferendone altri quattordici, uno dei quali morirà quattro mesi e mezzo più tardi a causa delle ferite. Diversamente da quanto auspicato, la conseguenze dell’attacco fu una massiccia adesione dei giovani all’IRA.

#3- Il vento che accarezza l’erba

Diretto da Ken Loach, insignito della Palma d’oro al 59º Festival di Cannes, la pellicola è ambientata in Irlanda durante la guerra d’indipendenza irlandese (1919-1921) e la conseguente guerra civile (1922-1923). Forte della presenza attoriale di Cillian Murphy e Padraic Delaney, Il Vento che accarezza l’erba segna la prima Palma D’Oro per il regista socialista Ken Loach, la cui seconda sarà assegnata dieci anni dopo con I, Daniel Blake

#4- Hunger

Diretto da Steve McQueen (Shame) con Michael Fassbender nei panni del protagonista, è una delle pellicole più crude e disturbanti sull’argomento. La magnifica pellicola si propone di ricostruire il trattamento riservato ai prigionieri politici nel carcere di Long Kesh in Irlanda del Nord. L’H-Blocks è l braccio della struttura penitenziaria di Long Kesh in cui i detenuti repubblicani stanno effettuando delle proteste. Protagonista è Bobby Sands appartenente alla Provisional IRA, che nella speranza di ottenere il riconoscimento di diritti civili e politici per i militanti della sua fazione organizza varie proteste che sfoceranno poi nello sciopero della fame, a causa del quale lo stesso finirà per morire.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.