Breaking news
 

 
 
 

Venezia74: il corto di Antonietta De Lillo Il signor Rotpeter

Il signor Rotpeter è un cortometraggio del 2017 diretto da Antonietta De Lillo con Marina Confalone e Aglaia Mora. Qui trovi la scheda del film.

In principio era Una relazione per un’Accademia di Franz Kafka. Una scimmia catturata in Africa assume comportamenti umani solo per uscire dalla gabbia in cui l’avevano messo: il suo cervello si sviluppa in modo così avanzato da poter descrivere davanti all’uditorio di un’Accademia pensieri ed emozioni risalenti al suo stato di scimmia, e poter vivere dunque come un umano a tutti gli effetti.

Il signor Rotpeter è fedele all’originale letterario, solo che nel film il protagonista parla di fronte ad una giornalista dalla brutta dizione. Il signor Rotpeter è un cortometraggio originale di Antonietta De Lillo, da sempre legata a Napoli e all’essenza partenopea. Tanto che ad essere partenopeo è anche il suo signor Rotpeter, interpretato per l’occasione dalla brava Marina Confalone, anche se la voce femminile toglie un po’ di credibilità al personaggio. Poco credibile anche la scenografia, ma il lungometraggio tutto sommato è un buon prodotto (specie se proiettato appena prima di Piazza Vittorio di Abel Ferrara).

Francesca Sordini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Francesca Sordini

 
Da piccola ho voluto fare, nell'ordine, la cavallerizza, la pittrice e la ballerina. Tutti mestieri sottopagati, esattamente come lo è fare il giornalista. Mestiere che non mi piaceva, mentre a mia nonna sì. Andò a finire che nonna ci aveva visto più lungo di tutti.