Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 24/04/2017 da Edoardo Montanari in , ,
 
 

La Recensione di Guardiani della Galassia Vol. 2

Guardiani della Galassia Vol. 2: la recensione del nuovo film Marvel in arrivo nelle sale italiane il 25 aprile in circa 700 copie, distribuito da The Walt Disney Company Italia.
La pellicola vede il ritorno dei Guardiani originali, fra cui Chris Pratt nel ruolo di Peter Quill/Star-Lord, Zoe Saldana nei panni di Gamora, Dave Bautista nella parte di Drax, Michael Rooker nel ruolo di Yondu, Karen Gillan in quello di Nebula, mentre Sean Gunn torna a interpretare Kraglin.

In questo nuovo episodio si uniscono al cast inoltre Pom Klementieff nei panni di Mantis, Elizabeth Debicki nelle vesti di Ayesha, Chris Sullivan nel ruolo di Taserface, Tommy Flanagan nel ruolo di Tullk, Laura Haddock nei panni di Meredith Quill, oltre a Sylvester Stallone nel ruolo di Stakar e Kurt Russell nel ruolo di Ego.
Guardiani della Galassia Vol. 2 è sritto e diretto da James Gunn.
Leggi la scheda del film e guarda il trailer italiano su Cinemamente.

LA RECENSIONE

I migliori titoli di testa mai visti

I cellulari erano dentro gli appositi sacchetti anti-pirateria, gli occhiali 3D inforcati, il bicchiere vuoto dei popcorn in mezzo ai piedi (per la cronaca, non erano i “miei” popcorn), quando le luci si sono spente lasciando spazio alle prime immagini di un film attesissimo, desiderato e sognato da quasi due anni.
Cosa ne sarà di Groot? E Rocket? E Gamora?

I pochi peli che mi ritrovo sulle braccia erano in fermento e, se fossi stato un gatto, le vibrisse sarebbero impazzite dallo spasmo quando i titoli di testa hanno cominciato a scorrere. Sì perché non avevo mai visto dei titoli di testa così dinamici, creativi, divertenti e forse anche un tantino caotici da far girare la testa: meraviglia allo stato puro.

Poi, lentamente ma inesorabilmente la sabbia del tempo ricopre la mente (come cantava Frankie Hi-Nrg); minuto dopo minuto, inquadratura dopo inquadratura, il giramento di testa si è spostata in un’altra parte del corpo, pur senza raggiungere il massimo della rotazione, e sono arrivati i titoli di coda.

Cosa dire de I Guardiani della Galassia Vol.2 se non che è un bellissimo film, pieno di effetti e ambientazioni che, sia per quantità che per la qualità, mi costringeranno ad una seconda visione?
Non al cinema, però.
Forse potrei farci un pensiero per la colonna sonora, gli effetti CGI da urlo e il 3D estremamente ben calibrato. Tanta tecnica e sapienza di lavoro, quindi, ma poca anima e le gag (alcune veramente carine) non riescono a recuperare l’enorme gap che si nota, eccome se si nota, sia sul fronte della storia, sia sul fronte delle dinamiche narrative che pur essendo giuste, hanno un ché di già visto.

Spiace dirlo, ma il film non arriva mai a quella godibilità, spensieratezza e tensione narrativa del primo. E’ un difetto? Certamente sì.
Almeno per me che tengo particolarmente alla storia, all’evoluzione dei personaggi, al loro confrontarsi con i drammi personali e le loro debolezze. Ecco, questo è il maggior difetto di questo secondo episodio: i personaggi (sia i guardiani che gli antagonisti) sono tutti statici, fermi, gigioneggianti con il loro passato come un albero che non muta al mutare delle stagioni, non frutta, non piega i rami al vento o ne spezza uno al sopraggiungere della tempesta. Se dovessi usare un termine da sottoporre all’Accademia della Crusca suggerirei: Plasticoso.

Edoardo Montanari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Edoardo Montanari

 
Edoardo Montanari
Nasco a Roma nel 1975. Finite le superiori mi iscrivo ad Informatica alla Università “La Sapienza” di Roma. Ma, durante il tragitto da casa a scuola scrivo racconti. Decido allora di trasferirmi a Lettere Moderne all’università di Siena. Non pago della mia scelta, nel 2001 torno a Roma e mi iscrivo al Dams dell’Università degli Studi Roma Tre. Scrivo Racconti, Sceneggiature, Poesie. A tutt’oggi, sto per conseguire la laurea in Scienze Confuse ed allevo cambiali.