Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 02/05/2017 da Luca Secondino in , ,
 
 

Gold – La grande truffa: un’altra trasformazione di Matthew McConaughey

Giovedì 4 maggio esce Gold – La grande truffa, il nuovo film di Stephen Gaghan con un eccezionale – ancora una volta – Matthew McConaughey. Sull’attore premio Oscar per Dallas Buyers Club (2014) abbiamo già speso parole al miele, e continueremo a farlo finché dimostrerà di meritarlo, come sta accadendo ora.

Perché se infatti il film Gold può non convincere tutti come il devastante Dallas Buyers Club, a mettere d’accordo pubblico e critica ci pensa lui.

Gold – La grande truffa racconta la storia di Kenny Wells, un uomo d’affari continuamente in ricerca del colpo milionario, che si mette in squadra con il geologo Michael Acosta e finalmente va incontro alla svolta della sua vita: siamo nel 1993 e i due trovano una gigantesca miniera d’oro in una giungla indonesiana e da quel momento inizia la vera ricchezza e i veri problemi. Ora che è miliardario, Wells prova ad aggredire anche Wall Street, ma quella è la vera giungla e lui non riuscirà a domarla facilmente.

L’interpretazione di Matthew McConaughey colpisce gli spettatori per due motivi che hanno caratterizzato le sue più recenti performance, come quella che gli è valsa l’Oscar e quella irripetibile nella serie True Detective.

Il fattore numero 1 è l’intensità: in un tipico film a stelle e strisce, con ritmi rapidi e battute pungenti, Matthew McConaughey mostra un personaggio avido, senza scrupoli e irrimediabilmente destinato a perdere. Ma la sua forza è proprio quella.

Inoltre, e qui arriva il fattore numero 2, l’attore trasforma di nuovo sé stesso: dopo la grande trasformazione per Dallas Buyers Club, quando McConaughey aveva perso 23 chili, questa volta i chili sono 18 in più del suo peso forma e si vedono tutti. A completare il tutto un look trasandato con pochi capelli, denti non impeccabili e un’aria unticcia che lo rende ancora più inedito.

Il risultato è un film da non perdere, non tanto per il film in sé, quanto per un attore che da solo ne tiene le redini con un’interpretazione fuori dagli schermi, nella quale si vede chiaramente il lavoro sul corpo e sul personaggio. Fascino e qualità da grande attore, si vedono bene anche in un corpo leggermente diverso.

 Luca Secondino


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Luca Secondino

 
Nato e cresciuto a Roma, sono stato immerso da subito nella musica, nel cinema, nel teatro e nella letteratura. Grafomane per vocazione, dissacratore per attitudine, ancora cerco avidamente il Bello in ogni cosa. Del resto, "siamo rimasti così in pochi ad essere scontenti di noi stessi."(F.Fellini)