Breaking news
 

 
0
Pubblicato il 07/07/2017 da La Redazione in
 
 

Dunkirk: quanto incasserà al suo esordio il nuovo film di Christopher Nolan?

Si sta facendo il conto alla rovescia per l’uscita negli Stati Uniti di Dunkirk, l’atteso nuovo film di Christopher Nolan che sin dalle prime immagini rilasciate ha riscosso molta curiosità tra i fan del regista per via della novità che rappresenta rispetto alle precedenti sue pellicole. Mancano infatti poco più di due settimane, e in molti si stanno chiedendo come verrà accolto dal pubblico e quanto incasserà l’ultima fatica di un regista che ormai fa già parte della storia del cinema grazie soprattutto alla trilogia del Cavaliere Oscuro.

Secondo gli analisti il film avrà un buon esordio negli USA, ma non incasserà quanto i grandi blockbuster a cui il genio di Nolan ci ha abituato. Il cast composto da attori giovani, alcuni molto amati dal pubblico, potrebbe dunque non assicurare a Dunkirk, un film di guerra ambientato in Francia, l’interesse del grande pubblico pagante. Se pensiamo che quasi 20 anni fa Salvate il Soldato Ryan aprì con 30 milioni di dollari, e che Bastardi Senza Gloria ne raccolse 38 nel suo primo weekend, le previsioni degli analisti potrebbero rivelarsi fondate.

Secondo un tracking esterno alla Warner Bros. gli incassi della pellicola dovrebbero aggirarsi nel primo weekend tra i 30 e i 40 milioni, il peggiore incasso per un film di Nolan da The Prestige. Ovviamente si tratta solo di primissime proiezioni e le cifre potrebbero cambiare radicalmente. Pro.boxoffice, ad esempio, prevede un incasso di una sessantina di milioni di dollari (quindi più vicino ai 62 milioni di Interstellar) e di un incasso finale di 240 milioni. Se fosse così si parlerebbe di un buon successo commerciale per Dunkirk, ma è ancora tutto da vedere.

La pellicola, ambientata durante il Secondo Conflitto Mondiale, racconterà dell’incredibile evacuazione verso la Gran Bretagna di migliaia di soldati belgi, francesi e britannici, che si trovarono bloccati sulle spiagge di Dunkerque dall’avanzata dell’esercito tedesco, durante la cosiddetta Battaglia di Francia. Le truppe britanniche e alleate si trovarono circondate da un lato dalle forze nemiche, e dall’altra dal mare, con il Canale della Manica come unica via di fuga possibile.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.