Castigat ridendo mores, la recensione di Ecce bombo